Laboratorio di poesia improvvisata e di cultura musicale sarda

Docente: Mauro Piredda 

La poesia improvvisata in Sardegna, rappresenta una componente molto importante nel panorama artistico-musicale di tradizione orale. Essa non si qualifica come un caso a sé stante, in quanto ogni popolo nel pianeta, ha sviluppato dinamiche di dialettica in versi per ovvi motivi di memorizzazione delle informazioni e di diffusione del pensiero, e quindi della cultura.

In Sardegna, però, rappresenta ancora un fenomeno che manifesta una propria vitalità e che, in prospettiva, necessita di un innesto da parte di cantori di nuova generazione (cosa che sta avvenendo in minima parte per via della variegata offerta culturale e per il mutamento della struttura socio-economica che non può garantire lo stesso vivaio del secolo scorso).

Le gare in ottava rima, a mutos, a s’arrepentina, a versus e mutetus a sa moda campidanesa si ripetono di continuo nel circuito degli appuntamenti tradizionali della nostra terra.

La prima forma elencata, la poesia in ottava rima, è la meno locale che esista, per via delle diverse provenienze degli attuali performer, e per via della sua diffusione in tutta l’isola e non solo nei territori dove essa è nata. Legata indissolubilmente al canto a tenore (che accompagna i cantori in gara e che, nelle performance al di fuori della gara, ha riprodotto intere parti di competizione anche in assenza di supporti di registrazione), la poesia improvvisata è una delle forme artistiche popolari che unisce canto e ritmo, forma e sostanza, tradizione linguistica e modernità nei contenuti.

Ed è per questo che si propone un laboratorio da affiancare ai corsi già programmati dalla scuola civica Mea. Un laboratorio con la finalità di acquisire una competenza passiva totale in relazione al fenomeno (conoscenze storiche, terminologiche e prosodiche della poesia a bolu, capacità di riconoscere le diverse forme metriche adottate nella gara) e un processo metodologico finalizzato alla costruzione del verso endecasillabico e dell’ottava partendo dalla dialettica call and response.

Il laboratorio proposto consiste di 15 incontri da un’ora così elencati.

1) Inquadramento culturale musicale. Teoria. Collettivo

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

2) Inquadramento storico. Teoria. Collettivo

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

3) Inquadramento linguistico. Teoria. Collettivo

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

4) Terminologia della gara. Teoria. Collettivo

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

5) La costruzione dell’endecasillabo. Attività in gruppi.

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

6) La costruzione dell’endecasillabo. Attività in gruppi.

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

7) Il canto del verso. Attività in gruppi.

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

8) Il canto del verso. Attività in gruppi.

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

9) Tema individuale, la costruzione dell’ottava. Attività

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

10) Tema individuale, la costruzione dell’ottava. Attività

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

11) Dialettica a due, la costruzione dell’ottava. Attività

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

12) Dialettica a due, la costruzione dell’ottava. Attività

Costruzione del rimario. Attività individuale aula/casa

13) Dialettica a due, la costruzione dell’ottava. Attività

Programma del Corso

Nessun programma trovato !
ISCRIVITI AL CORSO
  • 15 Giorni
0 STUDENTI ISCRITTI
    Design © IntuAgency
    X