MARTEDì 24 AGOSTO ALLE 21:00 TOTORE CHESSA IN CONCERTO

Irgolese doc inizia a sperimentare con l’organetto a 15 anni, suonando prima i balli del suo paese per poi estendere il personale repertorio di danze a quelle di tutta la Sardegna, diventando presto  il suonatore più ambito dai gruppi di ballo dell’intera isola.

Ha imparato le prime importanti nozioni dell’organetto e della danza, dalle fonti autentiche degli anziani.

Totore incarna ancora l’antico ruolo di suonatore “per tutto il paese” che in Sardegna ha sempre avuto grande importanza nelle feste patronali, poiché era il fulcro del momento di svago e di convivialità tra le persone e per questo, come ancora oggi, assolutamente indispensabile.

Numerosi sono i premi che, nell’acro della sua attività, ha ottenuto accompagnando diversi gruppi: per tre edizioni del Festival del Redentore a Nuoro ha ricevuto il titolo di Maestro del folklore, inoltre ha ricevuto delle onorificenze durante le quattro edizioni del Festival Castello di Gorizia.

Ha suonato in gran parte dell’Europa sia da accompagnatore di gruppi sardi, sia in come solista in teatri e festival di musica etnica e ha partecipato a trasmissioni televisive regionali e nazionali.

Alla sua attività di musicista affianca quella di Maestro di danza sarda, capacità apprezzata sia dai centri di danza di culture e popoli differenti, che da centri di ricerca nella penisola e all’estero.

Ha creato a Irgoli il primo Festival dell’organetto del quale è coordinatore e direttore artistico. Si svolge ogni anno ad agosto.

Ha pubblicato un CD a proprio nome dal titolo “Organittos” prodotto dalla Robi Droli e numerose sono le sue partecipazioni a lavori discografici di altri artisti.

Possiede un’importante collezione di strumenti a mantice di svariate epoche e nazioni, che porta in giro su richiesta per mostre e conferenze.

Ha collaborato con Luigi Lai, Paolo Fresu, Tenores di Bitti, Elena Ledda, Enzo Favata.

1 Settembre 2021
Design © IntuAgency
X