NASCE IL CENTRO CULTURALE POLIVALENTE A INDIRIZZO MUSICALE E LE SALE PROVE PUBBLICHE COMUNALI

L’entrata dell Fondazione Farris Tedde a Siniscola

Il paese di Siniscola vanta da tempo immemore un sottobosco musicale degno di interesse e rilievo, benché sia da sempre orfano di uno spazio capace di accogliere e sviluppare il potenziale creativo dei tanti musicisti che qui hanno deciso di risiedere, studiare, formarsi e lavorare. A partire da questa considerazione la Doc educational e la scuola civica MeA, in collaborazione con l’amministrazione comunale e la fondazione Farris Tedde, hanno intrapreso un percorso finalizzato al sostegno, valorizzazione e stimolo dell’attività artistica e musicale locale e, più in generale, allo sviluppo del binomio formazione/socialità, giungendo in questo modo alla nascita del Centro culturale polivalente a indirizzo musicale di Siniscola.

Questo progetto prevede, oltre alla realizzazione di alcune attività didattico formative proprie della Scuola, anche l’attivazione di due sale prove pubbliche comunali e una programmazione di eventi concertistici che verrà realizzata nell’arco del 2021, non appena le circostanze emergenziali attuali lo permetteranno. 

Il funzionamento delle sale prove pubbliche, viene coordinato da Doc educational e dalla scuola civica MeA,  e gestito materialmente dal “MeA Core”, un gruppo di allievi, musicisti e volontari a cui viene affidata la responsabilità di ingressi, turni e attività nelle due sale. 

Il Centro culturale polivalente è uno spazio confortevole situato al centro del paese, dotato di 120 posti a sedere, pianoforte a coda, impianto audio luci e backline. Ideale per studi e lavori individuali, attività e progetti musicali di carattere acustico, jazz, canto corale e popolare, attività propedeutiche e laboratoriali. Gli spazi consentono, inoltre, l’attività di produzione per piccoli gruppi e compagnie teatrali o coreutiche locali.  

La “sala bunker” a La Ccaletta è invece destinata invece alla musica rock , all’elettronica e, in generale, a tutto ciò che richiede maggiori accorgimenti dal punto di vista dell’insonorizzazione. 

Il “MeA Core” gestisce gli spazi, le dotazioni strumentali e i rapporti con i fruitori delle sale prove, ma anche la “Banca del tempo e delle energie”, ovvero ciò che la scuola civica MeA chiede come condizione a chi utilizzerà questo bene pubblico. Si tratta, naturalmente, di tempi ed energie che verranno re-investite, nelle attività di gestione e funzionamento del Centro culturale polivalente o per l’allestimento delle attività ed eventi realizzati negli spazi della Fondazione.   

I fruitori potranno consultare il regolamento generale depositato presso il Centro culturale polivalente di Siniscola, e lo spazio Bunker nel Ex casello del genio civile a La Caletta, per le modalità di funzionamento delle sale prove.

Prende così forma il Centro culturale polivalente, un luogo di formazione e interazione musicale, artistica culturale, un contesto di riferimento dove far fiorire una socialità alternativa basata sull’incontro, confronto e scambio tra individui, saperi e discipline diverse, un presidio della “resistenza” all’isolamento e all’individualismo esasperante tanto invocato di questi tempi. 

La comunità creativa locale e la sua vitalità sono i destinatari finali di questo progetto, e l’augurio che dovremo farci tra tutti, sarà quello che la comunità siniscolese e la sua comunità artistica e musicale possano valorizzare e utilizzare questo Centro culturale polivalente nel migliore dei modi possibile.

Seguiteci, dunque, sul sito della scuola civica MeA, aiutateci a dare pregio e profondità a questo importante esperimento sociale e culturale. Dateci i vostri migliori consigli ma, soprattutto, ricominciate a costruire insieme a noi un futuro prossimo venturo meno triste e più umano che ci porti il prima possibile lontano da questa terra di tutti e di nessuno chiamata Covid 19. 

Carlo Sezzi (d.a. MeA).

23 Aprile 2021
Design © IntuAgency
X